it en fr es ru ar ch
Logo

Il cuore dell’Istituto

Il laboratorio dell’Istituto di Monticello si articola in tre differenti sezioni: controllo dei leganti idraulici (cementi, malte,etc.), controllo dei calcestruzzi, controllo degli aggregati. Un laboratorio provvisto di macchine digitali, attrezzature e varie strumentazioni per la realizzazione delle prove tecniche di tipo chimico, fisico e meccanico sul calcestruzzo, sulle malte, sui cementi e sugli aggregati. E ovunque, ma in rigoroso ordine e scientificamente catalogati, provini, cubetti, carote pronti da analizzare e studiare. All’ingresso, fuori dall’area climaticamente controllata vi è la sala computer dove vengono elaborate relazioni tecniche per gli Associati e per monitorare le ricerche. Questo è il Laboratorio Prove Materiali, il cuore dell’Istituto Italiano per il Calcestruzzo. Esso è dotato di tutta la strumentazione necessaria per la realizzazione delle prove richieste dalle normative di riferimento per quanto riguarda i controlli sui leganti, i controlli sui calcestruzzi, i controlli sugli aggregati e i controlli sugli additivi. Vi lavorano, sotto la direzione tecnica della dott.ssa Valeria Campioni, chimico, otto persone, fra cui cinque geometri, Angelo Comendulli, Sheraz Khalid, Enrico Iovinelli, Andrea Taccani e Alessandro Zamboni e la geologa Simona Cruciani.

Il lavoro dei tecnici I.I.C. comunque si svolge in gran parte al di fuori del laboratorio. Esso si svolge principalmente in cantiere. Ogni mattina, coi furgoni attrezzati a laboratorio mobile, i geometri dell’Istituto partono da Monticello Brianza per raggiungere i cantieri degli Associati ed eseguire gli opportuni prelievi di campioni per i controlli periodici, assistere getti speciali, eseguire prove tecniche. Fiore all’occhiello dell’Istituto sono proprio le unità mobili su furgoni attrezzati in grado di gestire autonomamente il controllo dei calcestruzzi alla consegna, su commissione della Direzione Lavori, attraverso il regolare controllo su calcestruzzo fresco e il confezionamento di cubetti per le prove a rottura eseguite in laboratorio.
I.I.C., collaborando con prestigiosi laboratori ufficiali e accreditati e con Università, può svolgere per conto dei propri Associati, indagini approfondite dagli aggregati fino agli acciai. I.I.C. mette a disposizione dei propri Associati una serie completa di servizi per il controllo della qualità dei calcestruzzi e delle procedure di produzione. Il pacchetto dei servizi di assistenza messi a punto prevede tre livelli di prestazioni secondo la normativa UNI EN 206-1 (assistenza di base, supervisione, controllo di produzione) ed è elaborato secondo le linee guida dell’ICMQ.

Alcuni esempi:

  • per aziende che gestiscono siti estrattivi e producono aggregati destinati al confezionamento di malte e calcestruzzi I.I.C. esegue regolarmente (una o due volte al mese) il prelievo campioni dai vari fronti di estrazione per il monitoraggio della natura chimica-geologia delle curve granulometriche e il mantenimento del sistema di qualità in riferimento alla marcatura CE dell’aggregato.
  • Per aziende che confezionano calcestruzzo vengono effettuate, sempre con cadenza regolare, analisi sulle materie prime costituenti del calcestruzzo (acqua, aggregati, cemento, additivi); prelievi su calcestruzzo fresco per prove direttamente in cantiere e prelievi per realizzare prove in laboratorio su calcestruzzo indurito allo scopo di monitorare e mantenere entro limiti stabiliti la qualità dei prodotti.
  • Per le imprese di costruzioni I.I.C., dopo la consulenza per la messa a punto e la qualifica dei mix design, assiste i getti in cantiere e verifica l’intera procedura di trasporto, posa e maturazione del calcestruzzo in regime di qualità.

Oltre a questa, che potremmo definire “attività ordinaria” di servizio agli Associati, in laboratorio si svolge attività di ricerca. “Questa è sicuramente la parte più interessante del lavoro e della nostra attività” ci spiega il geom. Angelo Comendulli. Qui, su campioni di cemento si confezionano diverse malte normalizzate che vengono studiate per caratteristiche tecniche, reologiche, chimiche, fisiche e meccaniche; vengono sperimentati malte e calcestruzzi a prestazioni tecnologicamente avanzate; viene sviluppata la chimica degli additivi e la loro applicazione.

Questo è Istituto Italiano per il Calcestruzzo.

« Indietro