it en fr es ru ar ch
Logo

Teknachem, Holcim, OMG

Teknachem premiata in Algeria. Un seminario sulle tecnologie del calcestruzzo organizzato dalla ACC Algerian Cement Company (gruppo Lafarge) si è tenuto ad Algeri a fine ottobre. Teknachem, nella persona del geom. Silvio Cocco, è stata invitata durante la due giorni di lavori per presentare “La pavimentazione industriale Floortek in postensione” tecnologia messa a punto per la prima volta in Italia dallo stesso geometra. Tale tecnologia è stata premiata come novità assoluta dell’anno dalla direttrice delle ricerche e delle costruzioni del “Ministere de l’Habitatat e de l’Urbanism” m.me Saliha Ait Mesbah (per approfondimenti, www.teknachem.it).

Il planetario Galletti in cattedra al SAIE Concrete. Nel corso del SAIE Concrete 2009, svoltosi a Bologna lo scorso mese di ottobre, è stata organizzata da Atecap una vera e propria Scuola del Calcestruzzo, con il coinvolgimento di varie aziende del settore, al fine di fornire formazione specialistica sul calcestruzzo ai tecnici presenti alla manifestazione.

La scuola prevedeva dei corsi teorici e pratici sulla formulazione di ricette per calcestruzzi speciali e un laboratorio prove per il controllo del calcestruzzo fresco ed indurito. OMG/Sicoma, in qualità di produttore leader mondiale di mescolatori a regime forzato, ha messo a disposizione della scuola una macchina da laboratorio tipo MP75/50 Lab capace di produrre 50 litri di calcestruzzo reso vibrato per ciclo. Il mescolatore è di tipo planetario e rispecchia fedelmente i modelli di taglia superiore nella dinamica della mescolazione, da sempre caratteristica distintiva del planetario Galletti. Peculiarità di questa macchina sono le piastre radianti per il controllo della temperatura della vasca e la possibilità di variare la velocità di mescolazione con inverter. La vasca ribaltabile agevola il prelievo di calcestruzzo e la successiva pulizia degli organi di mescolazione.

Le prove su calcestruzzi delle varie tipologie (tradizionale, fibrorinforzato, autocompattante) sono state condotte dai tecnici Tecnoprove con la collaborazione dell’ing. Marco Nicoziani di OMG che ha anche esposto al pubblico intervenuto le caratteristiche della macchina e supportato i tecnici nel settaggio dei parametri di funzionamento del mescolatore per poterne sfruttare appieno le peculiarità. La macchina ha riscosso il pieno apprezzamento dei tecnici e dei docenti della scuola e un notevole interesse da parte dei partecipanti (per approfondimenti, www.omg.it).

Semplicemente calcestruzzo autocompattante. Autocompattante: un calcestruzzo molto fluido che si compatta senza l’ausilio di energia di compattazione, ossia tipicamente senza vibrazione. Il calcestruzzo autocompattante presenta una fluidità molto elevata.

 
La coesione di questo tipo di calcestruzzo è stabile, in virtù della viscosità sensibilmente superiore della pasta di cemento, rispetto al normale calcestruzzo fluido. Il coordinamento di tutti i costituenti richiede una buona preparazione ed un’esatta conoscenza del materiale. La deformabilità e l’autocompattabilità del calcestruzzo fresco sono infatti garantite dal giusto equilibrio fra coesione, viscosità e fluidità, attraverso un accurato studio del mix design. Nello specifico, per assicurare la coesione è necessario dosare adeguatamente la quantità di polveri quali cemento e filler e per ottenere il giusto grado di fluidità e viscosità bisogna adeguatamente selezionare specifici additivi, sia fluidificanti che viscosizzanti, che consentono di ridurre il rapporto a/c e di sviluppare elevate resistenze finali e iniziali.

In generale il calcestruzzo autocompattante permette di velocizzare e semplificare le operazioni di messa in opera. Grazie alla sua particolare consistenza, alla plasticità e all’autoaerazione è adatto per realizzare manufatti sottili, fortemente armati o con geometrie molto complesse. Anche la qualità dei faccia-vista trae vantaggio dalle sue proprietà, in relazione all’elevata uniformità che l’SCC assicura alle superifici. Autocompatto SCC di Holcim Aggregati Calcestruzzi è stato frequentemente utilizzato per diverse applicazioni, in particolare pilastri sottoposti a carichi pesanti e muri (per approfondimenti, www.holcim.com).

« Indietro